Bank Effects: Suction – Cushion

Bank suction e cushion

La dinamica dei fluidi (effetto Venturi) applicata al campo marittimo dice che: 

“Una nave che si muove in un canale transitando vicino a una sponda viene attratta dalla sponda stessa”.

La spiegazione di questo fenomeno si trova nella conseguenza che deriva dalla diminuzione del livello dell’acqua tra la nave e la sponda: tanto minore è la distanza tra la nave e la sponda, tanto maggiore è l’effetto Venturi. 

È la differenza di livello tra le due fiancate della nave che provoca la spinta che fa avvicinare lo scafo alla sponda.

La forma dello scafo influenza decisamente questo comportamento e, nella maggioranza dei casi, ci troviamo a fronteggiare una situazione di questo tipo: a prora, nella parte compresa tra lo scafo e la sponda, abbiamo un innalzamento del livello rispetto alla fiancata esterna della nave, mentre proseguendo lungo lo scafo si verifica un abbassamento che raggiunge il suo massimo a poppa, dove abbiamo un livello interno più basso di quello esterno.

L’effetto cushion è avvertito a prora e l’effetto suction sul resto dello scafo. 

Procedendo ad alta velocità a una distanza dalla sponda prossima alla larghezza dello scafo della nave, l’effetto potrebbe essere così forte da far sì che l’utilizzo del timone sia insufficiente a contrastarlo.

Per questo motivo, quando si manovra in queste condizioni è fortemente consigliabile procedere a bassa velocità. Questo accorgimento garantisce, nella malaugurata ipotesi della perdita del controllo a causa di questi effetti, una riserva di macchina che aiuta a rendere più efficace il timone: la classica breve “smacchinata”, molto efficace e tenuta per un tempo insufficiente a far aumentare la velocità della nave.